10 Cloverfield Lane

10 Cloverfield Lane

Diretto da Dan Trachtenberg, scritto da Josh Campbell e Matthew Stuecken.

Data di uscita: 11/03/2016

La trama dal trailer

I membri di una tranquilla e felice famiglia (padre, figlia e figlio adulti), trascorrono con serenità le loro vite finché qualcosa fa tremare tutto e la famiglia non sembra più tanto normale e felice. Tanto che la figlia cerca di scappare da quello che sembra un bunker antiatomico, inseguita dal padre, spaventato, che non vuole che esca.

Commento

Bel trailer. Ben fatto. Ma soprattutto enigmatico.

Il trailer riesce nel suo intento di incuriosire ed attrarre utilizzando solo due semplici battute (“Don’t go”/”Something is coming”) e comunicando molto attraverso le immagini e la musica.

Ciò che crea maggiore interesse e coinvolgimento nello spettatore è la contrapposizione tra le due parti del trailer: la prima, la quale mostra tre persone (che danno quasi l’impressione di essere una famiglia) vivere una vita tranquilla, accompagnate da una musichetta allegra; e la seconda, scatenata dal tremare di tutta la struttura in cui si trovano, ribalta completamente la situazione e ci fa capire che c’è più di ciò che si vede, aumentando la suspense fino all’escalation finale.

Se la prima parte è un po’ ingannatrice, in quanto non sembra far parte dell’immaginario che circonda Cloverfield, la seconda elimina ogni dubbio sull’appartenenza del film al suddetto immaginario, ma solleva parecchie domande: i tre personaggi sono parte di una famiglia? Perché sono in quella specie di bunker? Perché quelli più giovani vogliono fuggire? E infine, cos’è quel “something is coming”? Il mostro del primo Cloverfield? Il personaggio di John Goodman è a conoscenza di qualcosa?

Lo vedrò?

Certamente.

Macbeth

Macbeth

Diretto da Justin Kurzel, scritto da Jakob Koskoff, Michael Lesslie e Todd Louiso, basato sulla tragedia di William Shakespeare.

Data di uscita italiana: 05/02/2016

La trama dal trailer:

In un ambiente cupo e uggioso (la Scozia), un uomo, Macbeth, combatte e ordisce una congiura che lo porterà al potere. E poi dovrà continuare a combattere per mantenere questo potere, assalito da dubbi e supportato da una donna, lady Macbeth, più decisa e forte di lui.

Commento

Già dal trailer si può presagire che il film sarà forte, molto intenso, imponente, con una trama permeata di morte e tragedia.

I primi secondi del trailer, con poche e semplici immagini (una battaglia in un giornata nebbiosa, accompagnata da quattro figure femminili avvolte nel nero; una chiesa avvolta nella nebbia), bastano ad impostare subito questo tono tragico.

Il trailer svela la trama del film, nella sua (quasi) interezza; ma essa è una trama già conosciuta, in quanto una delle più note e famose tragedia di Shakespeare. Perciò spazio è dato anche ai nomi importanti del film (Fassbender, Cotillard, Kurzel).

Gli ultimi venti secondi, poi, sono la parte più ricca del trailer perché mostrano, in rapida, sequenza Macbeth e lady Macbeth immersi in scene piene di elementi forti (lacrime, violenza, religione, fuoco), ma anche una donna bionda (che non so chi sia, poiché non ho mai letto la tragedia) che soffre, molto, forse per le conseguenze delle azioni dei due protagonisti, il tutto accompagnato da una muscia abbastanza inquietante ed incalzante (che pervade quasi tutto il trailer, ma soprattutto questi ultimi venti secondi).

Il film, solo dal trailer, promette morte, promette dolore, promette soprannaturale, promette congiure, promette tragedia… insomma, promette bene. E promette di essere un film di nicchia (come già stanno confermando gli incassi).

Speriamo solo che (non) sia così:

Lo vedrò?

Sì, e non solo, probabilmente mi leggerò anche la tragedia oraginale.

The World’s End

The World’s End

Diretto da Edgar Wright, scritto da Edgar Wright e Simon Pegg.

Data di uscita: 19/07/2013

Data di uscita italiana: 26/09/2013

La trama dal trailer:

Un gruppo di 5 amici (4 persone serie, 1 un coglione), si incontrano dopo 20 anni per portare a termine un’epica impresa: bere una pinta di birra in ciascuno dei 12 pub della loro città natale. Dopo aver incontrato (quella che dovrebbe essere) un vecchio amore, i 5 amici scoprono che nella loro città qualcosa non va: la città è invasa da (credo) dei robot e i 5 amici sono l’unica, improbabile, ridicoa speranza per l’umanità.

Vedendo il trailer, si può commentare come fa uno dei protagonisti alla fine dello stesso trailer: “What the hell is that?”.

Sì, what the hell is this?

Tutto inizia in modo tranquillo-comico: c’è un discorso pseudo-serio sulla Bibbia e I Tre Moschettieri, poi si scopre quello che vogliono fare i 5 amici, e, fin a questo punto, il film sembra una commedia di un gruppo di amici che si rincontrano. Poi tutto degenera, e si aggiunge azione, robot, “mistero”.

Il film, solo dal trailer, promette bene.

Lo vedrò?

Sì, e non solo. Questo film è il terzo e ultimo capitolo della Cornetto Trilogy. Io non ho visto gli altri due, ma dopo questo trailer, voglio vederli tutti e tre.

Only God Forgives

Only God Forgives

Scritto e diretto da Nicolas Winding Refn.

Data di uscita: 19/07/2013

Data di uscita italiana: non so, spero presto

Il trailer inizia con una donna (presumibilmente una madre) che dice come sia stata difficile la gravidanza del figlio, mentre vediamo un uomo che avanza in un corridoio. Questo dialogo è interrotto da una scena di violenza, silenziosa, a cui poi segue l’ingresso di una musica abbastanza dolce, che accompagnerà il resto del trailer. Resto durante il quale vediamo diverse scene di violenza, dove appaiono sempre tre personaggi: quello interpretato da Ryan Gosling, la madre (Kristin Scott Thomas) e un uomo asiatico (Vithaya Pansringarm). Il trailer finisce informandoci che ci sarà una scazzottata tra Gosling e Pansringarm.

Vengono dati alcuni elementi sul film e sulla sua trama: un difficile e strano rapporto madre/figlio; un ambiente asiatico; una trama che prevederà vendetta e violenza. Tanta violenza.

Il trailer è una bomba, come sarà senza dubbio il film: colori accesissimi, giochi di luce e forti contrasti tra luce e ombra e tra i colori.

Gosling è spettacolare come sempre, Krisitn Scott Thomas appare in poche pose plastiche e si dimostra allo stesso tempo sensuale ed inquietante, mentre Pansringarm sembra perfetto per quel ruolo.

Almeno, questo l’ho dedotto dal trailer, poi si vedrà.

Per certi versi ricorda Drive, ma con un ritmo più veloce. Temo che forse il trailer abbia già detto troppo, come con Drive: è chiaro che c’è un contrasto, una lotta, una vendetta, tra Gosling e Pansringarm e vedere Gosling che gli si avvicina in quel modo nel finale e che gli chiede se vuole combattere, fa già presagire e intuire un possibile finale. Però, comunque, mi sembra che abbia spoilerato decisamente meno rispetto al trailer di Drive.

Lo vedrò?

Adoro Refn, adoro Gosling, sì, cazzo!

The Avengers

The Avengers

Scritto e diretto da Joss Whedon

USA, 2012

Il trailer inizia con Loki che informa qualcuno che la razza umana è fatta per essere dominata. Queste parole sono accompagnate da immagini di distruzione di una qualche città. Finché non interviene Nick Fury che introduce “a group of remarkable peole”. Tutti gli eroi della storia sono presentati in poche immagini, sufficienti a farci capire chi sono e cosa sono lì a fare. Segue poi un piccolo siparietto comico tra Iron Man e Captain America, a cui si contrappongo immagini di azione e di combattimenti, finché, le parole di Tony Stark non informano Loki che loro, gli eroi, se non sono stati capaci di difendere la terra, saranno capaci di vendicarla.

Il trailer dice poco e si limita a fare accenni a quello che potrebbe capitare. Della storia vengono dati pochi dettagli. Nonostante ciò, il trailer stuzzica il palato e crea interesse, curiosità, entusiasmo e nerdgasm.

Il trailer accenna interamente ai vari elementi del film: un gruppo di eroi (gli Avengers), tanta azione e sequenze spettacolari (continue esplosioni e lotte), una storia complicata (i discorsi di Loki, Nick Fury e Tony Stark), e la presenza di dialoghi comici (il battibecco tra Iron Man e Captain America o il dialogo tra Tony Stark e il dr. Banner).

Questo trailer è ben fatto perché non svela la trama, ma dice quel che serve per attirare e incuriosire, mostrando tutto ciò che è importante, creando così una giusta immagine nello spettatore di quello che potrebbe aspettarsi dal film.

Hitchcock

Hitchcock

Diretto da Sacha Gervasi.

Scritto da John J. McLaughlin.

Data di uscita: 23/11/2012

Data di uscita italiana: 04/04/2013

Il trailer si apre con discorso ambiguo: c’è un uomo che parla del lato oscuro di ogni uomo e di come lui sia solo un tizio con una cinepresa. Si susseguono molte scene di Hitchcock, insieme alla moglie, inizialmente intento a trovare una nuova idea per un film. Vengono poi scene che raccontano, in breve, la sorpresa per la nuova idea di Hitchcock e le difficoltà iniziali per la sua realizzazione. Viene poi la bellissima immagine del culo della meravigliosa e bellissima Scarlett Johansson. Continuano poi le scene legate alla difficoltà di realizzare il film. Il tutto si chiude con un dialogo tra Hitchcock e la moglie.

Questo trailer mette subito in chiaro le cose: si parlerà, nel film, della realizzazione di Psycho e delle difficoltà che Hitchcock ha incontra prima, durante e dopo la sua realizzazione. Ma il film non si limiterà a questo: in quasi ogni scena presentata, Hitchcock è accompagnato dalla moglie. Il loro rapporto è messo in luce dal dialogo finale del trailer: lei è legata a lui, in quanto sua moglie, ma è sempre messa in ombra dal genio del marito.

Perciò, presumo, si parlerà di Psycho e del rapporto della coppia.

Lo vedrò?

Sì! Cazzo, c’è Scarlett Johansson. Ah, e poi si parla di una dei più grandi registi della storia del cinema.

buzzoole code

World War Z

World War Z

Diretto da Marc Forster, scritto da Drew Goddard.

Data di uscita: 21/06/2013

Data di uscita italiana: 2013, non so ancora quando.

Due trailer che si sviluppano nello stesso modo: una famiglia che passa del tempo insieme in modo normale e tranquillo, finché questa tranquillità non viene travolta da qualcosa di anormale che viene da fuori. Dopo di che la famiglia fugge. Poi scopriamo che qualcosa di catastrofico è in atto e che la razza umana è in pericolo. Brad Pitt ha l’ingrato compito di risolvere la situazione.

Per me i trailer funzionano: non dicono molto, ma dicono quello che serve. Ci dicono che è in atto una catastrofe che rischia di spazzare via la vita dal pianeta, ci dicono che Brad Pitt inizierà un viaggio, lasciata la famiglia, nel tentativo di scoprire le cause di questa catastrofe e ci mostrano dei zombie strani (perché si muovono velocemente).

Le immagini degli zombie le trovo molto forti, perché danno proprio l’idea che un qualcosa di sconosciuto e catastrofico si stia abbattendo su di noi.

C’è azione, mistero, ci sono zombie.

Il secondo trailer è forse il migliore dei due perché si conclude con quella scena sull’aereo che ti fa dire: “E ora, cosa cazzo si sono inventati per uscire da questa situazione?”

Lo vedrò?

Sì, cazzo.

I trailer italiani.